Conad Adriatico si semplifica la vita (e le società)

Conad Adriatico ha messo ordine nella sua struttura societaria. si semplifica la vita (e le società)

Ottobre 2018.  Conad Adriatico ha messo ordine nella sua struttura societaria.
 
Prima la cooperativa controllava sei società. Ciascuna di queste si occupata di tutto: dalla gestione degli immobili alle licenze.
 
Ora le società sono diventate due. La prima è Thimos a cui fanno capo le licenze e le autorizzazioni a esercitare l’attività. La seconda si chiama Brick ed è l’immobiliare che possiede le mura dei negozi.
 
All’operazione Conad ha lavorato per quasi un anno. A rimettere ordine nel puzzle delle competenze societarie attraverso una fusione per incorporazione e cinque scissioni parziali proporzionali è stato un team dello studio legale tributario Fantozzi guidato dal partner Alessandro Catapano Minotti e coadiuvato dall’associato Vittorio Guidobono Cavalchini.
 
L’obiettivo dell’operazione — che ha avuto inizio nella primavera 2017 ed esplica i suoi effetti civilistici dall’agosto 2018 — è stato l’abbattimento dei costi amministrativi e societari nonché l’ottimizzazione delle risorse tecniche, economiche e finanziarie e del personale. Un risultato ottenibile grazie alla razionalizzazione del modello di business (diviso tra settore strumentale, cioè affitto di rami di azienda commerciali; settore immobiliare; settore della gestione diretta dei supermarket).
 
Fonte: Corriere della Sera

Eros Casula

Lavora nel mondo IT da quasi 22 anni, dal 1998 al 2002 ha lavorato per multinazionali IT e caseari ricoprendo il ruolo di project manager, dal 2002 a oggi è libero professionista.

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato