Red-Feltrinelli/cso Garibaldi a Milano è intimità e sentimento

Ottobre 2018. Questo Red Feltrinelli, scusate il parallelo, somiglia a una canzone di Jacques Brel, Quand on n’a que l’amour, (Con soltanto la forza di amare avremo nelle mani il mondo intero, amici), ma anche a La chanson des vieux amants. Ovviamente vi spieghiamo perché.

Ogni elemento di questo locale riportaagli antichi palazzi cittadini. Il primo livello è realizzato come un unico ballatoio con ringhiera in ferro, dove si può passeggiare tra i libri e poi magari sedersi a tavola. Una sala interna, dedicata ai romanzi in lingua straniera, richiama un cortile al di sopra del quale si aprono “finestre” e ricordi di autori: la percezione è di essere capitati per caso dentro una casa popolare con ballatoio e cortile comune dove si svolgeva la vita di tutti, tutti i i giorni. Le grandi travi in acciaio che separavano i due piani sono state riportate alla luce e restaurate, e allo stesso modo il soffitto conserva la travatura in legno naturale.

L’ambiente è in pratica formato due pozzi comunicanti e da ogni angolo la visuale è diversa, ma sempre intima, romantica, completa. Lo abbiamo frequentato due volte, anche per l’ora di pranzo e nonostante le molte persone presenti, l’intimità resiste anche se aumenta la voglia di stare insieme e magari parlare con il vicino di un libro, di uno spettacolo dell’imminente Piccolo Teatro.

Sono 350 i mq di vendita e 80 i posti a sedere. 11.000 i libri presenti. Lo stesso menù è fatto a mò di libro, con i piatti raccontati.

Il locale prosegue lo sviluppo di Red voluto da Feltrinelli e Cir Food, ma è di gran lunga migliore di quello già commentato di City Life, un po’ freddino. Qui la ristorazione e la libreria si compenetrano con equilibrio, senza che l’uno pensi a sopraffare l’altro, per produrre experience, individuale e collettiva, negli spazi e nell’offerta merceologica.

In quanto ad atmosfera somiglia un po’ al Red di Roma via del Corso, poi chiuso per problemi strutturali dell’edificio.

Creare intimità e sentimento crediamo sia un po’ la poesia per acquistare un libro e consumare il crostone di pane nero con burro e alici, e altro ancora.

La sostenibilità di Red-Feltrinelli, cso Garibaldi, Milano
Coerenza fra il posizionamento e la sua realtà                    5
Distintività e rilevanza versus i competitor                         5
Rapporto experience-prezzo                                                 4
Sostenibilità                                                                              4
Attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione            4
Attenzione ai millenials                                                           3
Attenzione ai senior                                                                4
Creazione di una community                                                5
Trasparenza                                                                             5

Scala di valori da 1 a 5, 1 basso, 5 elevato

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato