Auchan-Torino (3): diverse dimensioni di presentazione dell’ortofrutta, stagionale e bio

Gennaio 2019. Anche il reparto di ortofrutta presenta diverse novità. Della serra con verdura aeroponica avevamo già dato conto lo scorso anno. Va sottolineato invece un doppio esperimento per fare up grading e cercare di costruire un maggior valore proprio nell’ortofrutta.

Il reparto tradizionale, con prodotti sfusi o confezionati, ha diversi livelli di informazione sulle caratteristiche del prodotto.

Il progetto per il biologico e lo stagionale

Per dare un rilievo visivo, di informazione e ovviamente di up grading, l’architetto di Auchan ha costruito queste sfere di legno a vele aperte che permettono di esporre le cassette di ortofrutta sia all’interno, sia all’esterno delle sfere, alternandole con cartelli di informazione. L’effetto è molto gradevole e disegna un reparto ortofrutta in modo innovativo e differenziante rispetto ai competitor. Bisogna però vedere come il cliente vive questa interruzione di spazio. La divisione per stagionale e biologico segna una segmentazione radicale e ben visibile che fino a questo momento è stata demandata semplicemente a cartelli aerei, ma non interrotta e costruita come un modello architettonico simile a questo.

È un altro tassello di innovazione di Auchan-Torino G.Cesare.

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato