Ristorazione nella food court o dall’ipermkt con affaccio sulla galleria? Il caso Finiper

Febbraio 2019. Le food court, in genere vanno a gonfie vele e accettano nuovi soggetti portatori di experience.

L’ipermercato che è guardato ultimamente come un soggetto statico ha invece un ruolo diretto nella ristorazione. O, almeno, potrebbe averlo, come suggerisce questa case history di RetailWatch, ripresa all’interno del CCI Fiordaliso a Rozzano (Mi).

All’interno dell’ipermercato IlaGrandeI di Finiper qui a Rozzano insiste una sola area di ristorazione, quella all’interno dell’enoteca. La retail community si ricorda invece che la stessa insegna nel Centro di Arese ha almeno cinque aree di ristorazione all’interno dell’ipermercato.

La proposta di ristorazione a Rozzano invece si svolge su un’area ricavata all’interno dell’ipermercato e aggettante sulla galleria commerciale, quindi in linea con le casse, divisa per specializzazione. Le sedute sono di fronte agli spazi, ben marcati e soprattutto confortevoli.

Fino a qualche mese fa esisteva un’area di ristorazione diversamente architettata, senza la segmentazione individuata da RetailWatch.

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato