Eurospar/Aspiag-Bologna: così abbiamo riscritto l’enoteca e la condizione di servizio

Febbraio 2019. L’enoteca è da sempre gioie e dolori per i supermercati della GDO. Gioie perché è un reparto visitato, dolori perché le promozioni sono davvero troppe e il retailer rischia l’immagine, quasi fossimo nel reparto ortofrutta.

Aspiag (Despar Nord Est) ha aperto un nuovo superstore Eurospar a Bologna, via delle Armi. Location né centrale né periferica, con i viali a portata di auto.

È stata riscritta l’enoteca con una soluzione interessante a parere di RetailWatch perché permette di non sacrificare lo spazio finale ai vini in brick o ai grandi formati fino a 2 litri, messi in coda quasi fossero fastidiosi.

La soluzione studiata da Aspiag con l’evidenziazione tramite casse aggettanti verso l’esterno, ancorchè inclinate, padroneggia tutto lo scaffale dall’inizio alla fine permettendo una separazione verticale, dove in alto e fino al system di evidenziazione sono ospitati i vini di prezzo più elevato e in basso quelli meno e il brick, il bag in box e i formati più grandi.

A giudizio di RetailWatch il vino e l’enoteca così configurati danno un’altra immagine al reparto e all’insegna stessa.

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato