La quasi totalità di Auchan supermercati e ipermercati passa a Conad. Attesa conferma del Garante

Maggio 2019. Conad, la più ampia organizzazione di imprenditori indipendenti del commercio al dettaglio d’Italia, ha chiuso oggi un accordo con Auchan Retail per l’acquisizione della quasi totalità delle attività di Auchan Retail Italia.

Entra in Conad una parte importante dei circa 1.600 punti vendita di Auchan Retail Italia: ipermercati, supermercati, negozi di prossimità con i marchi Auchan e Simply, disposti sul territorio italiano in modo complementare alla rete Conad.

Francesco Pugliese, Amministratore Delegato di Conad, ha dichiarato “Siamo soddisfatti di aver acquisito e riportato nelle mani di imprenditori italiani una rete di distribuzione di grande valore, che sta attraversando un periodo di difficoltà ma che ha grandi potenzialità ed è complementare a quella di Conad. Oggi nasce una grande impresa italiana, che porterà valore alle aziende e ai consumatori italiani.

L’acquisizione sarà perfezionata solo in seguito all’approvazione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in Italia.

Non sono compresi in questo accordo i supermercati gestiti da Auchan Retail in Sicilia e i drugstore Lillapois. L’accordo prevede anche che i centri commerciali in cui sono situati i punti vendita di Auchan Retail Italia continueranno ad essere gestiti dalla società Ceetrus, che prosegue la propria attività in Italia.

L’acquisizione sarà condotta da Conad con il supporto di WRM Group, società specializzata nel real estate commerciale.

Il parere di RetailWatch

Conad-Auchan diventerà un gigantesco cantiere di lavoro per scegliere:

. cosa fare della sede e dei lavoratori di Milano di Auchan,

. cosa ne sarà dei franchisee? Passeranno tutti a Conad?

. scegliere i soci a capo dei negozi, e sono davvero tanti se si sommano ipermercati e supermercati,

. ristrutturare la rete logistica (non sarà una passeggiata),

. ristrutturare in parte i negozi e certamente cambiare insegna,

. ristrutturare le MDD, le marche del distributore,

. ragionare su nuovi standard e un nuovo modello di gestione e di sviluppo,

. cambiare i rapporti con l’industria di marca e i fornitori in generale per le nuove quote di mercato.

L’annuncio precede l’annauale convegno Linkontro-Nielsen: tutti parleranno di questo.

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato