DeKalb Market/Brooklyn-NY è un insieme di 40 proposte food court con Trader Joe’s

Maggio 2019. Il primo, vistoso, eccesso, in senso positivo di Dekalb è che all’ingresso, ben visibile e soprattutto integrato, opera un Trader Joe’s (leggi qui), l’anarco-discount-supermarket (di proprietà di Aldi, ricordatelo sempre) che se ne fa un baffo delle marche e delle tradizioni del grocery e inventa qualcosa di diverso per ogni location che occupa.

E poi al 445 di Albee square west a Brooklyn-NY cè questo esempio di gigantesca food court con un layout, voluto, a labirinto  con 50 spazi di somministrazione e di asporto che genera un flusso di clienti a qualsiasi ora della giornata.

Addirittura c’è la presenza del supermercato newyorkese Forager con la sua parte di ristorazione che si cimenta a fianco a ristoranti italiani e francesi e vietnamiti e americani e argentini e… Insomma un insieme di diversità che, insieme, hanno un gigantesco punto di forza: la capacità di attrazione.

Punti di forza

. L’offerta complessiva e diversificata

. La capacità di far stare insieme discount-supermarket e food court

. La possibilità del take away

. L’offerta per frazioni della giornata

. Ambiente caotico e divertente, da mercato e street food contemporaneamente

Punti di debolezza

. Pochi posti a sedere soprattutto nei momenti di picco

. Prezzi medi decisamente alti anche per gli americani

La sostenibilità di Dekalb Market Hall, Brooklyn, NY

Coerenza fra il posizionamento e la sua realtà                    5
Distintività e rilevanza versus i competitor                        5
Rapporto experience-prezzo                                              4
Sostenibilità                                                                        4
Attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione            4
Attenzione ai millenials                                                      4
Attenzione ai senior                                                            3
Creazione di una community                                              3
Trasparenza                                                                                                          3

Scala di valori da 1 a 5, 1 basso, 5 elevato

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato