In dieci anni i retail stranieri hanno perso in Italia il 5,2% di quota di mercato

Maggio 2019. Il numero è davvero impietoso: dal 2008, anno della crisi causata da Lehman Brothers e soci, al 2018, i retailer stranieri hanno perso complessivamente una quota di mercato pari al 5,2% nella GDO italiana (in particolare Carrefour e Auchan, fonte: Nielsen).

Una simile defaillance è stata provocata da:

. difficoltà a inserirsi nel sistema distributivo meridionale,

. difficoltà a far cambiare marcia all’ipermercato,

. troppa esposizione verso il franchising,

. catena di comando troppo lunga,

. figure apicali a volte troppo distanti dal mercato e dai suoi umori.

E, infatti, Auchan è stata venduta a Conad (leggi qui).

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

1 commento
  1. Buongiorno, abito a Udine e per lavoro viaggio nel nord est. La mia sensazione è che invece Austriaci ( Despar ) e Tedeschi ( Lidl e Aldi ) stiano investendo molto e crescendo in termini di fatturato. Aldi è appena partita ma con investimenti di tutto rispetto Despar e Lidl già da anni sul territorio consolidano e crescono. Lidl ha portato avanti una politica di ammodernamento di alcuni punti vendita sia dal punto di vista estetico che funzionale all’accesso significativi ,mentre Despar sta praticamente monopolizzando Udine e provincia.

Lascia un commento a Zeno De Antoni Cancel reply

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato