Prodotti Smart Esselunga: inizia il non food, ed è la fase più delicata

Dicembre 2019. Retail Watch aveva già presentato il progredire del progetto dei prodotti di primo prezzo Smart di Esselunga (leggi qui) nel food.

Da qualche mese il progetto è passato all’introduzione del brand Smart nelle categorie non food.

Il non food, meglio sarebbe chiamarlo non grocery, è un comparto molto più delicato nei rapporti con i fornitori che il food. Come si sa in alcune categorie siamo di fronte a veri oligopoli dell’IDM che difendono referenze e pricing con i denti.

Le referenze che vedete nel filmato commentato qui sopra appaiono  random. Ovviamente i category e i buyer e le vendite sanno bene che ogni referenza è un tassello in più nel mosaico che stanno costruendo. L’introduzione di Smart nei pannolini o nel detersivo in polvere o nelle pastiglie per lavastoviglie sembra dire che Esselunga abbia deciso di fare le cose in grande e fino in fondo, ma con gradualità.

Vedremo gli sviluppi

 

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato