Forse è venuto il momento di chiudere la domenica. Per noi stessi, per i clienti, per la comunità

Marzo 2020. Il momento è davvero eccezionale: forse converrebbe chiudere tutti i supermercati, le superette, gli ipermercati e di discount la domenica.

In queste settimane vado a fare la spesa in:

. Esselunga,

. Conad,

. Coop,

. Eurospin.

Un po' perché ho bisogno di comprare alcune cose, ma anche per capire cosa sta succedendo.

Ho ormai confidenza con qualche addetto alla vendita:

. sono stanchi, soprattutto,

. sono preoccupati,

. pensano alla salute dei loro cari, dei loro vecchi,

, non capiscono bene cosa sta succedendo,

. devono lavorare con la mascherina e i guanti, provate voi a farlo,

. sono preoccupati per le reazioni delle persone,

. sono preoccupati per l’igiene e la santé dei locali di vendita, ma anche dei magazzini, dei trasporti.

La domenica non è più il secondo giorno di vendita, dopo il sabato, il coronavirus ha piallato la settimana, i giorni si equivalgono, dicono la Nielsen e l’IRi. #Shopfully dice che, incredibilmente, i primi giorni di affollamento sono il lunedi e il martedi.

Forse sarebbe il caso che tutti i supermercati (ma tutti tutti, neh) chiudessero almeno per un giorno. Si avvicina la Pasqua, sarebbe un bel segnale per tutti, visto che siamo in Quaresima. Ma, religione a parte e opinioni personali, darebbe un po' di respiro a tutta la filiera del retail. Non ci sarà accaparramento il sabato, ormai è già successo.

I clienti si spalmerebbero su 6 giorni anziché su 7.

Fatelo, per cortesia, prima che le persone si ammalino di stress o altro ancora…

Oggi il supermercato ha un ruolo sociale:

. dia, appunto, un segnale di discontinuità,

. un segnale di solidarietà verso le persone di tutto il sistema,

. dia un segnale di umanità verso tutte le comunità.

Il personale medico non può fermarsi per un giorno, ma quella dei supermercati, di tutta la gdo si. Attenzione che non venga prima un decreto ministeriale...

Diciamo insieme #celafaremo #vivalitalia #vivalecassiere

Mandate tutti le cartoline con i grazie alle cassiere

 

 

 

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

7 commenti
  1. Una riflessione che accomuna tutto lo “stivale” , personalmente ho fatto l’uscita spesa Mercoledì 18, i rifornimenti e l’organizzazione che ho trovato (Interspar – Cento, Fe) mi hanno rassicurato, SE la cittadinanza rispettasse le norme comportamentali che ci vengono impartire e se ci mettessimo del buon senso personale, potremmo farcela, il dubbio mi assale continuando a leggere polemiche sterili sulle passeggiate si/no, finti bisogni, solo per uscire MENTRE chi deve andare al lavoro #vivalecassiere ed addetti starebbero volentieri a casa! Il mio augurio è di poterci scambiare presto un saluto dal vivo 😉, buona giornata direttore, Edi Govoni

  2. salve poco prima di “chiudere” avevo un corso con un gruppo di responsabili dei nostri smk ..stavamo ragionando proprio intorno al nuovo significato sociale dei pdv fisici e del ruolo di chi ci lavora dentro..beh non ci aspettavamo certo il maledetto covid ma certo la direzione del ragionamento era quella…speriamo che uscendone sia un tema di riflessione ancora più centrale…
    grazie e in bocca al lupo a tutti noi

  3. Grazie Stefano. Il Coronavirus farà emergere l’etica e la Csr. Chi ce l’ha, ce l’ha e chi non ce l’ha avrà qualche problemuccio. #vivalecassiere

  4. Meno male che lo ha scritto era ora di dirlo e a gran voce. Questi ipermercati sempre pieni la domenica la sera tardi e a volte nelle festività con i loro turni e orari hanno distrutto la vita sociale di tutti noi. Diamoci una regolata inquinano luminosamente ed energeticamente e inoltre fanno ricche solo multinazionali e catene di esercizi di vario tipo e marca lasciando ai lavoratori stipendi ben miseri e poco tempo libero da godere, credetemi vorrei vedere chi lavora dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 14balle 18 come la penserebbe al cambio invece di stare a casa e/o riempire o suddetti centri commerciali. Speriamo si cambi ora e soprattutto dopo così non è vita.

  5. Santo subito il giornalista che ha pensato a noi che lavoriamo a stretto contatto con tante persone….. apparentemente sani….grazie di ❤️ siamo in due a lavorare in un magazzino con 3 figli piccoli…. è 10 anni che facciamo i miracoli…..e grazie ai suceri angeli custodi che ci danno una mano……grazie grazie grazie

  6. È giustissimo che anche i supermercati alimentari chiudano la domenica soprattutto in questo periodo di covid19. Un pensiero per i dipendenti che vivono nel terrore di poter contagiare le loro famiglie. Ringraziamo per tutto il lavoro straordinario che stanno espletando per noi tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato