Guardate questa case history di Mercadò/Sisa. C’è da imparare qualcosa

Aprile 2020. In questo periodo moltissimi retailers hanno messo in campo iniziative specifiche per “l’emergenza coronavirus”

Dar conto di tutte le iniziative è impresa assai difficile e si rischierebbe di dimenticarne sempre qualcuna.

E’ pur vero che finiscono di essere conosciute soprattutto le iniziative dei grandi Player nazionali ma ve ne sono molteplici, più locali, degne di attenzione.

Ad esempio a Lamezia Terme i Supermercati Mercadò, una fiorente realtà locale con 6 punti (Lamezia Terme Via Cristoforo Colombo – Via Misiani – Via Savutano Acconia di Curinga Via P.Sonnino Cirò MarinaVia Roma ) e facenti parte del neonato Gruppo SISA Calabria hanno messo in campo alcune iniziative specifiche per questo periodo difficile, con pochissimo investimento in tecnologie e molto apprezzamento da parte dei consumatori.

I Supermercati Mercadò preso atto che le misure di contenimento e distanziamento sociale imponevano di “ridurre” la presenza dei Clienti nei Punti Vendita hanno cercato una soluzione semplice ed immediata al problema della gestione degli ordini dei propri clienti.

Non disponendo di sito di e-commerce e non ritenendo che si potesse aspettare di farlo hanno pensato che l’ordinazione della spesa i loro Clienti potessero immediatamente farla usando quello che già usavano, Whatsapp.

Si son detti, lo strumento è diffuso, conosciuto ed è semplice a quel punto è bastato pubblicare un annuncio su Facebook nel quale si offriva la disponibilità di consegnare o far trovare pronta la spesa a chi voleva ordinarla ed il servizio è fatto !!!!

I clienti hanno immediatamente apprezzato e chiesto le aree di copertura, le condizioni, ecc.

Ed ecco pronto in nuovo servizio “LA SPESA A DOMICILIO” o LA SPESA PRONTA nel punto vendita.

 

Il cliente effettua ordini con un semplice messaggio Whatsapp specificando SOLO il luogo di ritiro o di consegna. Una persona si dedica al servizio di ricezione e controllo degli ordini

In caso di ritiro nel negozio il Cliente può specificare in quale preferisce effettuare il ritiro

La consegna a domicilio è gratuita per spese di almeno euro 50,00 e copre il Comune di Lamezia Terme, Viste le forti richieste è stato esteso nei comuni di Feroleto, Pianopoli, Gizzeria e due volte a settimana nel comune di Platania.

La preparazione della spesa, per chi la ritira nel punto vendita NON ha un minimo di spesa e non ha nessun costo. Ed è quasi immediata.

Secondo i responsabili dell’azienda queste due iniziative favoriscono la riduzione di persone nei punti vendita ed il distanziamento sociale.

Il servizio di consegna è cominciato da poco più di due settimane ed alla prima settimana le spese recapitate a domicilio sono state 277.

La seconda settimana i dati sono in aumento e si è cominciato anche con i pagamenti in mobilità ( con un POS portatile) per semplificare i tempi e le consegne.

Seppure il servizio sia stato attivato “al volo” per ora tutte le consegne vengono soddisfatte entro le 24 ore dall’ordine.

I clienti si limitano a comporre anche soltanto ad un semplice messaggio di testo, da inviare con Whatsapp.

In caso di problemi i Clienti vengono ricontattati. Ogni ordine appena ricevuto viene numerato e poi assegnato ad un preparatore per essere predisposto. Mentre la responsabile del servizio predispone i tragitti migliori per le consegne ( in questo periodo non si corre il rischio di NON trovare le persone a casa)

Da quando è partito il servizio sono aumentati anche i contatti sulla pagina Facebook e la Clientela risulta MOLTO soddisfatta, esprimendo anche sui social tale gradimento .

Per completare le iniziative inerenti l’emergenza coronavirus i Supermercati Mercadò hanno anche lanciato l’iniziativa #spesainsospeso anche su sollecitazione dei Clienti stessi che chiedevano se potevano “donare” per chi aveva più bisogno. L’iniziativa è in collaborazione con Croce Rosa e Protezione Civile affinché i prodotti siano correttamente gestiti e distribuiti

Infine i Supermercati Mercadò , aderendo a quanto deciso dalla Distribuzione Organizzata e dal Gruppo SISA effettueranno uno sconto del 10% ai possessori di BUONI SPESA EMERGENZA CORONA VIRUSstanno valutando di distribuire ulteriori buoni sconto integrativi (la decisione inerente la quantità e l’importo è in corso).

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato