Coop rilancia sui freschissimi, sul subscription box e sulla sicurezza pdv-prodotti

Giugno 2020. Coop rilancia: altri 4 mesi di blocco dei prezzi sui prodotti a marchio (fino al 30 settembre), un paniere di 10 prodotti basici di alto profilo qualitativo a 10 euro, promozioni settimanali a rotazione con sconti mediamente del 20% su freschi e freschissimi come carne, pesce, ortofrutta (sempre a marchio) per tutto il periodo estivo.

Coop affronta la ripartenza a fianco delle famiglie italiane. Un impegno economico per la fase 2 pari a circa 50 milioni di euro. Altri 50 milioni investiti precedentemente nella fase del lockdown.

“La buona spesa mette assieme sicurezza, convenienza e sostenibilità. Se nella fase dell’emergenza la maggior parte del nostro investimento –circa il 70%- è stato assorbito dalle azioni necessarie a garantire a soci e consumatori la massima sicurezza e serenità, ora la percentuale si è rovesciata per gli impegni a difesa del potere di acquisto. Avvertiamo la necessità di rispondere con misure concrete a una fase complessa che potrebbe generare un’ulteriore, drammatica polarizzazione dei consumi”.

Ripartire dopo il lockdown che ha visto Coop, le cooperative, la rete vendita gestire l’emergenza e dare risposte ai soci e consumatori. Affrontare con altrettanta energia una fase 2 che si prospetta complessa e tale da generare una ulteriore, drammatica polarizzazione dei consumi. La caduta del Pil ipotizzata ad oltre il 10%, l’occupazione in forte peggioramento e i segnali di un’inflazione crescente delineano uno scenario economico-sociale peggiore di quello della crisi del 2008.

Coop nei precedenti mesi ha bloccato i prezzi di oltre 18.000 prodotti confezionati industriali sia a marchio che di tutte le altre marche, ha applicato lo sconto del 10% sui buoni emessi dallo Stato per le persone maggiormente in difficoltà, ha attivato un Protocollo in collaborazione con Protezione Civile, Anci e Volontariato per la consegna a casa della spesa (a fine maggio sono state superate le 100.000 spese consegnate), ha regalato 100 Giga agli utenti di CoopVoce per un mese, ha donato alla Protezione Civile 4,4 milioni di mascherine chirurgiche, oltre a adottare le migliori misure di sicurezza nei punti vendita a tutela dei consumatori e dei lavoratori, Le Cooperative hanno agito nei diversi territori in collaborazione con le autorità per dare il massimo sostegno alla popolazione e alle esigenze delicate della fase di lockdown. Tutto questo ha comportato costi aggiuntivi (che Coop considera investimenti) per oltre 50 milioni di euro.

Ora, in piena continuità Coop intende giocare d’anticipo anche per la fase 2, destinando altri 50 milioni di euro a misure di concreto sostegno dei consumatori.

Così si protrarrà il blocco dei prezzi per altri 4 mesi (fino al 30 settembre), concentrato sui prodotti a marchio Coop (circa 2000 referenze di prodotti confezionati industriali). A questa misura se ne affiancano altre due. Una volta a garantire per tutto il periodo estivo promozioni settimanali a rotazione con sconti del 20% su prodotti freschi e freschissimi (carni, ortofrutta e pesce sempre a marchio Coop), andando così a incidere su un’area più soggetta alle oscillazioni dei mercati stagionali e a potenziali fenomeni speculativi. Qui Coop può contare sulla sua rete solida di fornitori e produttori che è per oltre il 90% italiana e sui rapporti di filiera controllata da Coop.

La terza gamba dell’attività è la proposta di un paniere di 10 prodotti che fanno parte della spesa comune delle famiglie al prezzo di 10 euro, con la qualità e la sicurezza dei prodotti Coop. Parliamo di prodotti come pasta, olio, biscotti, latte, birra, pomodori, carta igienica; si tratta di prodotti in gran parte della linea Origine Coop, ovvero la linea della tracciabilità completa su cui Coop esercita controlli in ogni step della filiera e dove in alcuni casi si sono consolidate scelte all’avanguardia per la sicurezza di tutti noi, per esempio l’allevato senza antibiotici per il prosciutto e il latte e l’utilizzo di carta riciclata per la carta igienica.

«Il prodotto a marchio Coop è il cuore della nostra offerta, mi piace definirlo una sorta di fuoriserie delle garanzie– spiega Maura Latini AD Coop Italia– e abbiamo concentrato su questo la nostra proposta per la fase 2 così da rendere evidente alle famiglie la nostra determinazione a garantire convenienza e qualità. La fase economica è piena di incognite. Quale sarà sui consumi l’impatto del rallentamento economico che il Paese ha subito e subirà è un nodo rilevante. Per i valori che la cooperazione incarna, assumendosi anche un rischio, Coop ha scelto di non aspettare e di mandare subito un messaggio alle famiglie e ai produttori. Così facendo agiamo sia a monte (verso i fornitori), che a valle (verso i consumatori) per garantire la stabilità dei prezzi e delle remunerazioni dei diversi attori della filiera”.

“Le misure del governo e le risorse dell’UE sono importanti; auspichiamo non una spesa a pioggia, ma il sostegno alle fasce più deboli, misure fiscali a favore dei consumi e della sostenibilità ambientale, investimenti mirati a rendere migliore il Paese nel lungo periodo. D’altronde non spetta solo al Governo sostenere l’economia del Paese, ma anche alle imprese più importanti, che hanno una grande responsabilità nel difendere le famiglie e le tante piccole e medie imprese a loro collegate – commenta Marco Pedroni Presidente Coop Italia - Noi ci prendiamo questa responsabilità e dopo aver investito nella fase del lockdown 50 milioni di euro, investiamo per la fase 2 da oggi a settembre altri 50 milioni di euro. La buona spesa mette assieme sicurezza, convenienza e sostenibilità Se nella prima fase dell’emergenza la maggior parte del nostro investimento –circa il 70%- è stato assorbito dalle azioni necessarie a garantire a soci e consumatori la massima sicurezza e serenità, ora la percentuale si è rovesciata per gli impegni a difesa del potere di acquisto. Speriamo che l’emergenza sanitaria possa passare in secondo piano perché questo ci permette di concentrarci di più sugli evidenti effetti economici e sociali prodotti dalla pandemia”.

Marco Pedroni e Maura Latini hanno sottolineato che Coop non ha chiesto nessuna provvidenza al Governo (ad esempio sulle mascherine) e tantomeno la cassa integrazione per Covid.

Nelle slide qui sotto, alcuni dati illustrati durante la conferenza stampa.

I risultati operativi in coop durante il lock down

I risultati operativi di maggio

Le previsioni sulla crisi economica

Qualche dato e qualche andamento dei prodotti verso la normalità

Le attese sui prezzi e sulla sicurezza

Il subscription box di 10 prodotti a 10 euro

Il rilancio dei freschissimi e una nuova promozione con i 5 prodotti base

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato