Quanto ha perso l’Horeca versus la GDO durante il coronavirus e come. E la conversion…

Giugno 2020. Dice l’IRi che le persone in lock down hanno speso 1/3 per far colazione in casa propria rispetto a quando andavano al bar per il cappuccino e brioche. Ma non solo: guardate i dati qui sotto:

. 34,3% dei consumi sono stati realizzati nel canale Horeca nel 2019

. -80% = -€6,7mld stima vendite perse dai 260.000 Bar e Ristoranti tra Marzo e Aprile 2020 Netto valore perso = -€4,5mld in Marzo – Aprile (6,7mld -2,2mld)

. Conversione in Consumi in Casa = €2,2mld di spesa addizionale nei Supermercati = +10/15% impatto di crescita potenziale

. IRi stima che: i prezzi relativi al consumo a casa di colazioni & pasti siano = 1/3 dei prezzi Horeca.

Adesso che il lock down è terminato giustamente gli analisti si interrogano su quanto rimarrà alla GDO per la conversione coatta avvenuta. Difficile fare previsioni numeriche. Però:

. molti bar non hanno riaperto,

. quelli riaperti hanno regole distintive e efficacia ridotta,

. chi sceglie di consumare nel locale deve affrontare tempi lunghi,

. più facile consumare in forma di asporto,

. la crisi sociale e economica suggerisce a molte persone di continuare a fare colazione in casa.

Lo stesso ragionamento vale anche per molte altre categorie di prodotti che sono sovrapposti nella GDO e nell’Horeca.

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato