MD-Podini chiude i sei mesi 2020 a + 15,95% e conferma 250 mio di investimento

Ottobre 2020. MD S.p.A. chiude il primo semestre 2020 con un fatturato in crescita del +15,95% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Risultato ancora più significativo alla luce di prezzi al pubblico addirittura diminuiti nei primi mesi dell’anno, come certificato da Nielsen che ha evidenziato come nel periodo Gennaio-Maggio 2020 la variazione di prezzo sui prodotti di largo consumo confezionato in MD sia stata negativa, -0,5% rispetto a Gennaio-Maggio 2019, con una decelerazione significativa del -1% proprio nel mese di maggio 2020.

Un’attenzione al risparmio fotografata anche da Altroconsumo, che nell’ultima inchiesta sui supermercati italiani, che monitora ogni anno le insegne più virtuose dal punto di vista del risparmio (includendo sia catene classiche sia discount), ha incoronato MD tra le catene più convenienti dove fare la spesa. Classifica in cui MD guadagna tre punti sul risultato 2019.

Convenienza quindi più che confermata, che non fa venire meno l’attenzione rigorosa alla qualità, alla sicurezza dei prodotti alimentari e alla valorizzazione delle eccellenze di territorio certificate che fanno parte della missione aziendale dalle origini.

Chiudere i primi sei mesi di un anno così complicato con un segno particolarmente positivo è certamente motivo di soddisfazione, ma soprattutto è un incoraggiamento a continuare con la nostra scelta di affrontare il momento emergenziale con responsabilità e spirito di servizio verso la comunità” è il commento del Cav. Patrizio Podini che ripercorre sotto la lente del bilancio semestrale il periodo trascorso in prima linea con i manager del Gruppo ad affrontare ogni giorno nuove incognite.

Il primo pensiero è stato per la sicurezza degli oltre 7000 dipendenti dei punti vendita, dotati da subito di tutti i dispositivi di sicurezza, a partire dalle mascherine che non sono mai mancate sugli scaffali anche per i clienti, quando altrove erano introvabili, a prezzi calmierati.

Tuttora viene incrementato lo smart working laddove possibile e i dipendenti sono stati i primi del settore GDO ad essere coperti, già a partire dal 13 marzo, da un’assicurazione per ricoveri e convalescenze, oltre ad essere premiati con buoni spesa e riposi extra.

Per far fronte all’emergenza sono stati investiti finora per la sicurezza di dipendenti e clienti oltre 6 milioni di euro.

Una parte importante degli investimenti MD nel periodo ha riguardato la logistica, potenziata in sicurezza per non far mai venire meno la disponibilità dei prodotti sugli scaffali di tutti i punti vendita.

Molta attenzione e risorse sono state destinate al digitale e ai pagamenti smart, preziosi aiuti durante questi mesi. Nel periodo Gennaio-Maggio 2020, MD ha visto incrementare le vendite online dei prodotti no food del 70% rispetto allo stesso periodo del 2019, anche grazie a una strategia affinata prima del Covid con le GIFT CARD online, uno strumento utile per effettuare acquisti da casa ma anche per poter pagare in maniera innovativa nei punti vendita. E proprio l’attenzione ai pagamenti digitali, che durante il periodo del lock down hanno raggiunto picchi dell’80-90%, sarà uno degli elementi su cui la catena continuerà a investire, anche alla luce dei prossimi provvedimenti governativi sul cosiddetto “Cash-back”.

Il lockdown e l’emergenza sanitaria hanno rallentato, ma non fermato il piano di sviluppo della rete MD chenei primi sei mesi dell’anno ha comunque aperto ben 10 filiali dirette e 7 affiliate e punta ad aprirnenon meno di 15 nuovi store entro fine anno, un’operazione che ha dato lavoro a quasi 1000 persone tutte under 35 (il millesimo nuovo dipendente è stato ufficialmente accolto a luglio).

Confermati quindi, gli investimenti annunciati con il Piano di Sviluppo quadriennale 2018 – 2021, di oltre un miliardo di euro. Cioè circa 250 milioni di euro per l’anno in corso e il 2021.

Eros Casula

Lavora nel mondo IT da quasi 22 anni, dal 1998 al 2002 ha lavorato per multinazionali IT e caseari ricoprendo il ruolo di project manager, dal 2002 a oggi è libero professionista.

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato