Coop Italia rinuncia alla doppia contrattazione con diversi attori dell’IDM e punta a una sola trattativa

Ottobre 2020. Coop Italia sta rivoluzionando la contrattazione con alcuni fornitori.

  1. Probabilmente si tratta di alcune grandi aziende dell’IDM,
  2. La doppia contrattazione (nazionale e decentrata), con dispendio di tempo e di investimento, di uomini e donne e di energie, diventa così unica,
  3. È un passaggio chiave per il gruppo cooperativo che anticipa quel che potrebbe accadere anche in altri gruppi e aziende della GDO, dove si raggiunge anche la tripla e forse quarta contrattazione, i cui costi, alla fine della fiera qualcuno dovrà pur pagare,
  4. Significa anche, l’unica contrattazione, maggior trasparenza nei rapporti e maggior chiarezza di rapporto,
  5. Coop Italia parla giustamente di piccola rivoluzione. E ha ragione, soprattutto pensando ai tempi e ai problemi che l’intero comparto sta attraversando,
  6. Non sappiamo esattamente quali siano le aziende dell’IDM coinvolte, ma potrebbe essere un primo passaggio per comprendere poi anche le medie e piccole imprese fornitrici,
  7. È un po' la Gestalt, lo spirito del tempo che stiamo attraversando e secondo RetailWatch una mossa obbligata vista la politica e la filosofia che Coop sta intraprendendo,
  8. Ed è anche una mossa verso la sostenibilità del sistema.
Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato