Dopo l’in-urbanesimo sta per arrivare il de-urbanesimo da post #coronavirus?

Ottobre 2020. Dice questa ricerca di Bain Italia che circa il 20% delle persone occupate hanno lavorato da casa (lo smart working è ben altra cosa: quante persone hanno a casa un wi fi potente come quello aziendale, e, soprattutto perché molti lavoratori devono sfruttare tecnologie casalinghe per lavorare da casa?).

Il #coronavirus sta poi producendo un piccolo, almeno per il momento, fenomeno di de-urbanizzazione. Dice la Bai, infatti, che circa il 40% del suo campione osserva con più attenzione, rispetto a prima, le case di abitazione fuori città. Molte di queste hanno lavorato nella seconda casa.

Sarà un fenomeno di lungo periodo o è solo temporaneo?

Luigi Rubinelli

Giornalista e esperto di retail e di consumi, laureato in Lettere. È il direttore responsabile di RetailWatch.it. E’ stato fino a maggio del 2011 Direttore responsabile del mensile Mark-up che ha contribuito a fondare nel 1994. È ...

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato